CONTEST

The 2012-13 ARSCIENTIA PRIZE is a competition between people who can work out innovative ideas. It offers all participants opportunities to gain training, make professional contacts and attend informative meetings.

GOALS OF THE 2012-13 ARSCIENTIA PRIZE

• Promote and develop a propensity for creative thinking and innovation • Foster the conception of new products, services or designs which could be translated into • the business world, or also through entrepreneurial initiatives • Raise awareness among public and private stake-holders on the importance, for the social and economic growth of the territories, of themes in art and science as a spur for creativity and innovation

Who is eligible to participate?

People of all ages who have brilliant and innovative ideas. The contest is divided into two distinct sections: Under 18 and Over 18.

HOW

To participate it is necessary to conceive an innovative idea, in any field or stage of development, provided that it is the product of original work related to the Themes of the contest. By innovative ideas we mean those that bring new characteristics to existing technology or knowledge, and in so doing give economic value to skills and know-how. These ideas can involve products, processes, businesses or the market.

WINNERS 2012-13 ARSCIENTIA PRIZE

MULTIDYN
Ridurre il numero di cavie animali per i test scientifici è un annoso problema della società moderna. Una promettente  soluzione  è data dai modelli  in-vitro di tessuti/organi. Sebbene il  gold standard attuale sia rappresentato da colture 2D statiche, esse sono soltanto una grossolana approssimazione della realtà in-vivo (3D dinamica). A tal proposito, il  gruppo  di  bioingegneria diretto dalla Prof.ssa Arti Ahluwalia presso il Centro “E. Piaggio” dell’Università di Pisa è da anni impegnato nella ricerca di tecnologie innovative per la realizzazione di modelli in-vitro fisio-patologicamente rilevanti. Tra i sistemi sviluppati, MultiDyn consente di implementare e monitorare in real-time modelli 3D multi-organo. Inoltre, il suo design compatibile con molti dei protocolli sperimentali ad oggi  consolidati, facilita il passaggio a modelli  in-vitro più simili alla realtà in-vivo.

 

DIGITAL FOR A NEW INTERCULTURAL DIALOGUE
Il progetto è finalizzato alla realizzazione del primo ebook per l’insegnamento dell’arabo, compatibile con tutti i formati e gli e-reader presenti sul mercato. Inoltre, attraverso i vantaggi  dell’ebook (immediatezza, eco-sostenibilità, costi contenuti e trasportabilità),  il progetto intende  promuovere lo scambio tra le culture nel Mediterraneo. Per le complessità tecniche – font arabi e latini, diversi orientamenti della scrittura, testi bilingui – e per la qualità del metodo di insegnamento, l’ebook prodotto sarà sviluppato a partire dal libro di testo utilizzato dalla scuola di lingue Ahlan-World. Il risultato finale si inserirà nel progetto exLibris – Digital Orient Express (exlibris-books.com): start-up per lo sviluppo del primo e-bookstore interamente dedicato al Mediterraneo e al Medio Oriente.

 

NONNACHEF
Il progetto si propone di salvare le tradizioni gastronomiche veneziane, rinsaldare il passaggio generazionale, trasmettere e diffondere anche nel tempo la cultura del cibo attraverso la modernità delle nuove tecnologie. Il progetto è rivolto alle nonne veneziane dai 60 anni in su che abbiano una ricetta o un piatto della tradizione da preparare e presentare e ai loro nipoti con capacita’ tecnologiche e la voglia di imparare. Sarà lanciata la ricerca di nonne appassionate di cucina che siano disposte a farsi riprendere dai loro nipoti con smartphone o videocamere mentre nella cucina di casa preparano il loro piatto della tradizione. I video saranno caricati su un portale web e votati via internet. I dieci piu votati in rete saranno scelti per essere preparati in altrettante serate-evento. Tutte le ricette/video pervenute saranno raccolte in un libro/dvd.

 

ZOLLA
Zolla è un modello per la rigenerazione di spazi ed edifici abbandonati a partire dalla biodiversità, per costruire comunità a partire dalla capacità di produrre e trasformare cibo biologico: . è una porzione di suolo fertile per rendere accessibile a tutti il cibo genuino; . è uno spazio per l’educazione alla sostenibilità, al km 0, alla salute, alla rigenerazione urbana. Al suo interno, in maniera integrata e sinergica, si producono frutta ed ortaggi, si praticano apicoltura, itticoltura e l’allevamento di animali da cortile. E’ luogo di aggregazione, ospita spazi per la trasformazione, la distribuzione e la vendita, un juice bar, spazi per il co-working, un’officina per costruire, ricostruire e mantenere a km 0. Zolla è aggregabile, scalabile e riproducibile; in sinergia con i saperi del territorio.

 

 


Fatal error: Class 'FrmEntriesController' not found in /web/htdocs/www.arscientia.eu/home/wp-content/themes/arscientia-wp/concorso-page.php on line 36